Consigli per mantenere fresca frutta e verdura più a lungo

  • Mantenere-la-verdura-fresca

Durante il periodo estivo frutta e verdura abbondano e mantenerle fresche per un lungo periodo può essere una vera sfida. Per chi non ha l’orto e deve acquistare la frutta e la verdura al mercato, il  rischio è di acquistare alla rinfusa credendo di risparmiare, ma il più delle volte, entro la fine della settimana, si ritrova con gli avanzi di verdura appassita e frutta marcia. Chi consuma ortaggi di coltivazione propria, il pericolo è il medesimo. In alcuni periodi, soprattutto in estate, si torna dall’orto con una quantità di verdura di molto superiore a quella che in realtà si consuma.

Ci sono diversi modi di mantenere frutta e verdura fresca più a lungo. Come regola generale, non conservare frutta e verdura fresca insieme. La frutta emana un alto livello di etilene che rovina le verdure che gli stanno accanto.

Ci sono frutti che continueranno a maturare da soli anche dopo averli raccolti: meloni, pere, mele e pomodori. Altri frutti come uva, peperoni, agrumi e altri, devono essere refrigerati. Il consiglio è quello di far fare a queste verdure un rapido bagno nell’acqua calda, basta immergerle un paio di volte per eliminare le eventuali spore di muffa. Lasciare asciugare le verdure su un tovagliolo di carta prima di conservarle in frigorifero.

Prima di riporre le verdure, tagliare le estremità dove è presente la foglia e fare dei buchi sui sacchetti di plastica per permettere la circolazione dell’aria.
I funghi non vanno lavati fino a quando non sono pronti per essere utilizzati, mentre le verdure a foglia verde possono essere lavate prima di riporle in frigo.

Per acquisire tutti i nutrienti della frutta e verdura fresca è bene consumarli entro due giorni, ma se non è possibile si può prolungare la freschezza avvolgendo la verdura in un tovagliolo di carta e metterle in una busta di plastica prima di conservarle in frigo. In questo modo, il tovagliolo di carta assorbirà l’umidità in eccesso che è la causa della rapida decomposizione. Inoltre l’umidità favorisce la crescita delle muffe.

Un altro modo è quello di tagliare la frutta e la verdura matura e congelarle fino al loro utilizzo. C’è una lunga lista di verdure che possono essere congelate: sedano, broccoli, peperoni, melanzane, funghi, cavolo, cipolla, banane, fragole, ecc, tuttavia, dovranno essere sbollentate in acqua calda per eliminare gli eventuali batteri.

Il cibo è costoso e non possiamo permetterci di sprecarlo. Pianificare i pasti una settimana in anticipo in modo da acquistare solo quello che serve può essere una buona soluzione.

 

via / foto source

 

Potrebbero interessarti anche...

Accetto
Questo blog utilizza cookies di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze e rendere migliore la navigazione. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Accettando, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.
Show Buttons
Hide Buttons